Tra le bancarelle del pittoresco mercato di Ortigia (Siracusa) vi potrà capitare di vedere una lunga coda provenire da quella che all’apparenza sembrerà solo una bottega. In realtà vi trovate di fronte al Caseificio Borderi, che non è una semplice bottega, ma una delle paninerie più famose di Siracusa.
Cosa la rende così speciale? Ce l’ha spiegato Nazarena Borderi e ce ne siamo accorti anche noi appena ci siamo messi in coda. Il motivo della nostra ora di attesa sta proprio nel fatto che la preparazione di ogni panino richiede molto tempo, sia per il grande numero di ingredienti, sia per la meticolosa attenzione con cui vengono abbinati e incastrati nel pane. Mentre Antonio addolciva la nostra attesa facendoci assaggiare i formaggi della casa, Nazarena ci ha spiegato i segreti del “Panino 3”. Fino a 3 anni fa, infatti, il caseificio Borderi non preparava panini, ma dopo l’esplicita richiesta di una giornalista londinese, tutta la famiglia ha iniziato a riflettere su cosa significasse “mangiare un panino al gusto di Siracusa”.
I 3 punti cardine che rendono il loro panino così speciale Nazarena ce li spiega in questo modo: innanzitutto l’appetito con cui ci si deve approcciare alla preparazione, così da riuscire a combinare perfettamente quella sinfonia di gusti che è il loro forte, prodotti locali e di stagione indispensabili se si vuole mangiare un panino unico e di qualità (l’imperativo della famiglia Borderi che si occupa in prima persona della produzione dei formaggi serviti) e, ultimo ma ugualmente importante, il pane a lievitazione naturale, croccante fuori e morbido dentro.

Queste parole ci avevano già conquistati, ma è stato addentando il nostro panino che siamo stati ripagati dell’attesa e dell’acquolina in bocca. Su un letto di insalata condita con olio, sale e una spolveratina di ricotta salata grattugiata, era steso un involtino di provolone, crema di mozzarella e tricotta, legati insieme da una marmellata al carrubo con alcune foglie di lattuga, il tutto sormontato da dell’ottimo prosciutto crudo.
Un’esperienza di street food fantastica e adatta a tutti i gusti, i vegetariani troveranno una vasta scelta di formaggi che non faranno rimpiangere i salumi. Noi non vediamo l’ora di tornare!

Testo di Monica Finocchiaro, foto di Enrico Coco